Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    SWZone Staff - Moderatore L'avatar di Gianplugged
    Data Registrazione
    17-04-2008
    Località
    Roma
    Messaggi
    13.082

    L´FBI chiude Megaupload e Megavideo

    Commenta la News: L´FBI chiude Megaupload e Megavideo

    Link Diretto

  2. #2
    Software Zone Maniac
    Utente a sua insaputa
    L'avatar di lupoguru
    Data Registrazione
    21-05-2007
    Località
    dalla terra dei lycan
    Messaggi
    3.355
    che bomba di notizia!!!!!!! caspita....c'è davvero una confusione internazionale per ste cavolo di SOA/PIPA attendiamo sviluppi gian

  3. #3
    Senior Member
    Data Registrazione
    19-09-2007
    Località
    La verde Umbria
    Messaggi
    385

    Questa è una storia di “cattivi, capitalisti, padroni del potere“.
    Megavideo e Megauplod oramai non esistono più,
    Un brutto colpo per la libertà di diffusione online? Forse no, forse si..
    Le accuse sono pesanti, sembrano veritiere ma mi chiedo….perchè solo Megavideo?

    Il motivo che nessuno ci dirà mai sulla chiusura di Megavideo e Megaupload:

    Perché altri portali simili a Megavideo, di un certo rilievo come RapidShare
    (più popolare di Megaupload) o come Mediafire, ecc., non sono stati colpiti,
    chiusi, soppressi?

    Casualmente qualche mese fa (Dicembre 2011) il sito TorrentFreak annunciava
    il lancio di un nuovo portale da parte della stessa azienda di Megavideo e
    Megaupload, si chiamava MegaBox Digital Jukebox.
    Il progetto Megabox ha fatto tremare le Major Capitaliste
    Questo sito aveva lo scopo di offrire milioni di canzoni a prezzi molto molto
    competitivi e con accordi molto vantaggiosi per gli artisti, che avrebbero
    incassato fino al 90% dei guadagni, insomma un lavoro pulito, accordi
    legalizzati e che non arrecavano danno legale..
    La questione è che le grandi Major, le case di distribuzione cinematografica e
    musicali, che chiedono alti compensi per promuovere film e musica, hanno iniziato
    a tremare…
    Le Major non sono i detentori dei copyright, per tanto solo artisti e produttori
    avrebbero ottenuto beneficio da MegaBox, e le Major? Ci sarebbe stato un crollo
    di tali società, danni da miliardi di euro a sfavore delle multinazionali
    capitaliste che lucrano alle spalle di artisti e popolazione, soldi che sarebbero
    stati “trasportati” in maggior misura ad artisti, attori ed ovviamente a MegaBox..
    Inoltre: con questa operazione il file sharing sarebbe divenuto legale:
    i produttori e gli artisti avrebbero spontaneamente e sotto contratto caricato i
    file su MegaBox, in cambio avrebbero avuto il denaro da Megabox stesso grazie
    agli introiti pubblicitari e alla vendita degli abbonamenti premium.
    Tanti “casualmente” e i nodi vengono al pettine…
    » Casualmente due mesi prima viene lanciata la notizia di un nuovo portale che può
    spodestare le Major capitaliste
    » Casualmente gli altri portali di FileSharing non vengono toccati, si sono autoprotetti
    » Casualmente il file sharing avrebbe avuto un punto di svolta portandosi verso
    una maggiore legalità
    » Casualmente le Major sono aziende capitaliste che controllano il mercato dei
    media televisivi e che influenzano le nostre abitudini (ma questo è un altro
    argomento, ben più “pesante” e “soppressivo”)
    Insomma… Il povero Kim Schmitz (fondatore di Megavideo, Megaupolod e il non nato
    Megabox) ha avuto una idea geniale, avrebbe cambiato molte abitudini, forse
    legalizzato il mondo del file sharing e avrebbe spodestato il crudo monopolio
    delle Major e ITunes.
    Spero che questa non sia la verità, perché nuovamente vincono “i cattivi” facendo
    diventare “cattivi” coloro che non lo sono…
    Purtroppo ci sono tutti i “moventi” per ipotizzare che la verità sia purtroppo
    proprio questa qui..ma ovviamente non la sapremo mai.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •