Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima
Risultati da 16 a 30 di 31
  1. #16
    SWZ Cerimoniere Ufficiale ed
    Organizzatore Eventi Mediatici
    Il Boia di San Lorenzo
    GrossoMod del Digital Imaging
    Ciukmaker Racing Mode
    L'avatar di giofi83
    Data Registrazione
    25-09-2001
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    18.295
    Citazione Originariamente Scritto da il pazzo Visualizza Messaggio
    E allora ?...allora l'unica alternativa che abbiamo è uscire dall'europa, vivere senza la grande industria meccanica, chimica ed affini, imbarcarci nella produzione a basso e medio contenuto tecnologico, potenziare il turismo, l'agricoltura indigena e la sua trasformazione industriale a basso costo.
    Infatti all'inizio degli anni '90 per avere i requisiti per entrare nell'area euro, simo dovuti uscire dallo SME, inflazione alta, ma capitali esteri che piovevano come grandine in Italia.

    Ma purtroppo non ci salva neanche l'uscita dall'euro.

    Perchè accada quello che ho quotato, dovremmo avere voglia di piegare la schiena e lavorare, poichè il buon Dio la terra l'ha fatta a terra e non all'altezza dei fianchi.

    Riverire il turista è un'abitudine che abiamo perso da cinquant'anni, per quello che riguarda il settore industriale, si farebbe presto, una volta fuori dall'euro, perchè l'inflazione renderebbe la nostra manodopera appetibile.

    Certo che le gite fuori confine ce le dobbiamo scordare per almeno vent'anni.


  2. #17
    Software Zone Fanatic
    Data Registrazione
    19-12-2004
    Messaggi
    27.611
    Magari ricordo male, ma negli anni 90 non mi pare che avevamo una grande inflazione. Negli anni 70 certamente eravamo a due cifre, e di parecchio, anche un 20% in un anno.

    Ma negli anni novanta credo che non stessimo in media oltre il 3 o 4 %. Ed il resto dell'Europa non era affatto in condizioni migliori, almeno in termini inflattivi.

    Ma a parte i numeretti, non sono d'accordo manco sul resto del post, perchè chi lavora non ha paura di farlo, in qualsiasi posto il tuo buon dio abbia deciso di fare la terra.

    Il problema grosso si presenterebbe per tutta quella gente che oggi, da almeno 15 anni, si è dedicata alla finanza creativa, a produrre danaro dal danaro, coperti dal sistema che penalizza il lavoro e premia la speculazione economica.

    Perchè questa gente avrebbe molto meno becchime, e molto meno copertura dalle banche o dalle manovre solidali di altri paesi dell'unione che riempiono le voragini sulla pelle e con i soldi di chi lavora in fabbrica e nei cantieri.

    Essere in Europa è come giocare a poker con quattro persone delle quali una è fornitissima di fiches mentre gli altri tre sono sono al lumicino ..... indovina chi vince ?....

    Noi non abbiamo il management all'altezza di competere con Germania, Francia e Inghilterra, perchè da noi il management (Melchiorre, Lapo, Tronchetto ecc...) ha sempre prosperato sull'assistenza statale, ed è incapace di misurarsi oltre frontiera ; la balla del debito pubblico ci viene venduta da 30 anni come la causa principale del nostro mancato sviluppo, e non è vero.

    Perchè non è vero ?... perchè nazioni come la Spagna e l'Irlanda non avevano un centesimo di debito pubblico nel 2000, ed oggi sono alla bancarotta. E la Francia invece, che ha un debito pubblico non molto inferiore al nostro (credo 85% del pil rispetto a noi che siamo al 112 piu' o meno....) ha parametri di crescita doppi e tripli rispetto a noi, la stessa disoccupazione nostra, ma politiche sociali, scuola, ospedali, casa ecc.... di livello nettamente superiore al nostro.

    Quindi noi ragioniamo molto per concetti ormai imposti dalla politica, che ogni giorno ripete e straripete sempre le stesse cose, riuscendo ad inculcarle nel cervello della gente per eludere la cronica incapacità di NON RUBARE, non lucrare a sbafo sul lavoro delle imprese, di NON EVADERE circa un quarto di tutto il PIL, e la conseguente NON VOLONTA' di evitare questo furto immane perpetrato dall'Unità d'Italia in poi.

    Noi combattiamo l'evasione fiscale, ma l'evasione fiscale aumenta di anno in anno. E' vero che recuperiamo parte dell'evaso, ma l'evaso aumenta sempre.

    Noi combattiamo il costo della politica ma non riduciamo le rappresentanze politiche che in Italia sono piu' del doppio di quelle tedesche e quasi il triplo di quelle francesi.

    Noi vogliamo risparmiare soldi eliminando le provincie, ma le provincie sono ancora li e anzi aumentano ogni settimana.

    Noi vogliamo ridurre i finanziamenti pubblici ai partiti ma gli stessi finanziamenti, negli ultimi 10 anni è passato da 200 milioni di euro a 500 milioni di euro.

    Noi vogliamo ridurre il costo delle pensioni, portando donne e uomini a 90 anni e con entrambi i genitori vivi, prima di godere della pensione, ma i parlamentari beccano una o due pensioni insieme dopo 5 anni di mandato parlamentare.

    E potrei continuare all'infinito.

    Quindi, a mio avviso, non è la volontà di lavorare che manca, o di chinarsi sulla terra, ma è la volontà di mollare l'osso da parte di cani famelici che manca.

    E riprende la manfrina delle auto blu, pura vasellina per consumare l'ennesimo rapporto contro natura nei confronti di una cinquantina di milioni di italiani, convinti ormai che a questa situazione non ci sia soluzione.

    Basta che se va Berlusconi, e siamo a posto.

  3. #18
    Software Zone Fanatic
    Data Registrazione
    19-12-2004
    Messaggi
    27.611
    Come volevasi dimostrare, l'ottusità di questo governo continua a mettere le mani nelle tasche della gente che guadagna meno o che è pensionata, dimezzando la rivalutazione delle pensioni oltre 1400 euro. Chi è pensionato e prende da 1400 a 2300 euro al mese non avrà che il 45% della rivalutazione inflattiva. Quindi gli togli soldi dalla pensione, come fosse un paperone.

    Ok, i furbastri diranno, ma qualcuno dovrà pur cacciare questi soldi.

    Bene, a me starebbe pure bene, ma per un lapalissiano senso di giustizia chi guadagna, da reddito o da pensione o da altre fonti 10.000 euro al mese, sempre per giustizia, quanto dovrebbe perdere ? e chi invece è oltre 100.000 euro ?....

    Quindi non c'e' assolutamente nessuna intenzione di rilanciare i consumi, come viene sbandierato a destra e a manca , e non è affatto vero che questo governo NON METTE LE MANI IN TASCA ALLA GENTE.

    Ma a noi che ce ne frega, basta che se ne va Berlusconi.

  4. #19
    Software Zone Fanatic
    Utente deragliato
    L'avatar di Eccomi
    Data Registrazione
    27-08-2004
    Località
    Napoli centro, più o meno all'incrocio con quella strada là e quella piazza lì...
    Messaggi
    9.264
    Già... Lui che c'entra? E' risaputo che alla Presidenza del Consiglio c'è Pico de Paperis.

    Hai dimenticato la fregatura delle tre aliquiote: la maggior parte degli stipendi e delle pensioni oscilla nella fascia dell' IRPEFche passerà dal 27% al 30%. I benefici maggiori li avranno quelli delle fasce superiori.
    Teniamocelo, Berlusconi: teniamocelo stretto.
    ...e se foste tutti pazzi, mi dareste ragione!
    Questo è il mio sito personale...

  5. #20
    Software Zone Fanatic
    Data Registrazione
    19-12-2004
    Messaggi
    27.611
    Mah... io a te non ti capisco.

    Hai specificato e chiarito piu' volte che il tuo problema non è la destra ma solo Berlusconi. Ora dici che le aliquote colpiscono le fasce meno abbienti, e lo sottolinei con la modifica delle aliquote.

    E allora ?...Credi che andando via Berlusconi (che ti sta sugli zebedei per tua stessa ammissione) la politica economica della destra italiana possa avere uno sviluppo in una direzione contraria ?....

    Cosa immagini che possa fare una destra se non quello che sta facendo ?.... lasciamo perdere Berlusconi, mettiamo che il presidente del consiglio sia Ciccio Formaggio,

    pensi che possa prelevare soldi dalle rendite finanziarie ? o dalle rendite da capitale ?
    o dai redditi piu' alti lasciando una zona franca nelle fasce basse ed intermedie che rappresentano il 90% dei redditi italiani ?....
    O che esca fuori dalle politiche del libero mercato ?
    o che vada a fondo nell'evasione fiscale e nell'eliminazione del lavoro nero o precario ?.....

    Se credi che una destra qualsiasi, italiana o cinese o esquimese, a prescindere da Berlusconi, possa fare cose diverse da quelle che si stanno facendo, e che si continueranno a fare, affossando inevitabilemnte l'Italia e la sua economia, allora spiegaci quali possono essere, a tuo avviso, le cose diverse che immagini.

    Le mie opinioni, in modo approssimativo e lacunoso, le ho dette, a supporto delle critiche concrete che muovo a questo governo, ma le tue, Berlusconi a parte, quali sarebbero ?....

    Francamente non riesco proprio a capire il tuo pensiero. Tu accompagni le critiche che faccio da una vita alla destra italiana e poi confermi che non ce l'hai con la destra (Ce l'ho solo con Berlusconi, non con tutto il governo.) .....

    Il ristagno dell'economia, le modifiche al rating per le nostre banche ed i nostri titoli, il conseguente ulteriore arricchimento di imprese e mafie locali grazie a questi provvedimenti avrà come unico sbocco una crisi vera di governo, che la Lega, partito pragmatico e lungimirante, causerà quanto prima per mettere un freno alla perdita di consensi nel paese.

    E la destra, vuoi o non vuoi, non farà mai cose diverse da quelle che fa, Berlusconi o non Berlusconi. E si finirà nelle braccia della sinistra che da un lato rifarà esattamente le stesse cose della destra, in modo piu' raffazzonato e caotico, con la differenza che al posto del nano ci sarà gente che parlerà di extracomunitari che possono arrivare a milioni, di gay che si vogliono fidanzare e vogliono adottare figli, di aumenti delle tasse a causa del buco di bilancio lasciato dalla destra, di case per i poveri nomadi e di libera interruzione delle terapie palliative per i malati terminali.....

    Ma nessuno, e dico nessuno, penserà al rilancio del mercato tramite una politica dei redditi, al protezionismo del mercato interno, alla riduzione della disoccupazione e alla contrattazione nazionale eliminando le centinaia di rapporti di lavoro ibridi ed approssimativi che ci sono oggi.

    Che proponi in concreto, o almeno, in cosa speri ?.....

  6. #21
    Software Zone Fanatic
    Utente deragliato
    L'avatar di Eccomi
    Data Registrazione
    27-08-2004
    Località
    Napoli centro, più o meno all'incrocio con quella strada là e quella piazza lì...
    Messaggi
    9.264
    Vedi, Pasquà... Io sono altrettanto meravigliato della tua strenua difesa di questo personaggio. E te lo dico col massimo rispetto, perchè ti considero una persona straordinaria e un amico reale, non virtuale.
    Chi è per me Berlusconi?
    E' quell'uomo che ha "sdoganato" il Movimento Sociale dalle catene del passato, rendendolo politicamente vivo e attivo. Ma poi lo ha utilizzato come una "mappina" per pulire il gabinetto, trasformando Fini in una marionetta al suo servizio (Bossi non lo è mai stato).
    E' quell'imprenditore capace di creare lavoro e occupazione, case e televisioni, grande ricchezza attorno a sè. Che bello vederlo scendere in campo nella scena politica, dopo tanti anni di Andreotti, Prodi e Taldètali...
    Finalmente un uomo capace, intelligente, produttivo... Vuoi vedere che è la volta buona che qualcuno fa riprendere l'economia del Paese, che si ripeta il miracolo, il boom degli anni '60? Lo voto, e suggerisco anche ad altri di votarlo. Ha vinto!
    Adesso farà qualcosa per i giovani... Un milione di posti di lavoro???
    Ma qust'uomo è un mito!!!
    Call center. Tre mesi e lasci il posto a un altro. Ma almeno il lavoro è importante: finalmente il popolo potrà essere avvisato a qualsiasi ora del giorno che ci sono nuove offerte telefoniche, e non sarà più costretto a cercarsele. Anzi, c'è la possibiliità di cambiare gestore senza neanche chiederlo. E poi questa trionfale politica di occupazione giovanile prosegue, con gas ed energia elettrica.
    Però... Che bello. Basta con quelle due insulse reti RAI. Finalmente c'è il cinema di Canale 5, Rete 4, Italia 1. Corriamo a comprare un videoregistratore. E la qualità delle trasmissioni cala continuamente, inesorabilmente. Dai documentari si passa ai Talk-show e poi al telelitigio. Un successone. Peccato che il cervello degli italiani se ne vada progressivamente in pappa, fino ad accettare SULLA RAI l'isola dei famosi (sì, quella dove fingono di morire di fame tutti i cadaveri della vecchia TV, resuscitati per l'occasione e per il colto pubblico e l'inclita platea).
    Un governo di Destra, finalmente! Potremo vivere più tranquilli, con maggiori controlli alle frontiere e una dura lotta alla criminalità organizzata (e qui è meglio che non aggiungo altro... Forse dovrei andare in una qualsiasi tabaccheria o bar e giocare un po' con le slot-machines).
    Ma almeno i nostri salari, sono al sicuro? e le pensioni?
    Macchè. Scordiamocelo: la colpa è dell'euro che ha voluto Prodi, e che lui è stato costretto ad accettare.
    Ma almeno la famiglia, la moralità, le istituzioni, la Costituzione sono salve.
    Come no... Sarebbero salve se La Signora Berlusconi non dichiarasse ai giornali: "E' un malato". Se le toghe rosse non si accanissero contro di lui.
    Se si potesse togliere dalla Costituzione quello stupido articolo 11 (che lui e il resto del PARLAMENTO non conoscevano, tanto che le prime obiezioni all'intervento in Iraq sono arrivate DUE giorni dopo): "L'Italia ripudia la guerra come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali". Te lo cito a memoria, perchè lo ricordo dagli anni della scuola media". Ma allora si studiava, e questa è tutta un'altra storia.

    Questo è (tolte gaffes all'estero e insulti rivolti a magistrati, giornalisti, parlamentari, Presidenti della Repubblica e gente comune) Pasquale caro... e te lo dico ribadendoti tutta la mia stima.

  7. #22
    Software Zone Fanatic
    Data Registrazione
    19-12-2004
    Messaggi
    27.611
    Grazie per la stima, peraltro reciproca, ma non ho capito niente. Compreso questo " Io sono altrettanto meravigliato della tua strenua difesa di questo personaggio."

    Se io risulto strenuo difensore di Berlusconi vuol dire che non riesco proprio piu' a spiegarmi. Sto' 'nguaiato ...

    La storia di Berlusconi e delle aspettative della gente la conosco, e mi dispiace non esserci conosciuti prima, perchè nel 1996 le stesse cose che dico adesso (possibili crisi economiche, disoccupazione in aumento, perdita di potere contrattuale di chi lavora, distruzione dello stato sociale e impoverimento della popolazione, cinesizzazione dell'economia di mercato ecc...) , le dicevo e le scrivevo tali e quali su qualche giornale, con 15 anni di anticipo.

    Non sono mai stato disilluso da Berlusconi e Fini solo perchè a me non mi hanno mai illuso : il film lo avevo già immaginato, ed il film cosi' è stato.

    Quindi almeno per me (e pochi come me) non c'e' stata che una conferma di quanto già immaginavo.

    Il nocciolo della discussione, che ripeto da anni ma che nonostante tutto mi fa passare, almeno ai tuoi occhi, come "strenuo difensore di Berlusconi" è di una semplicità disarmante, e cioè : continuare a pensare e dire che la colpa di questo stato di cose è di Berlusconi, e che andando via Berlusconi la situazione si capovolga, è assolutamente sbagliato.

    E' come il palco di Zelig, dove entra un comico, intrattiene la gente in siciliano, poi va via, e ne viene un altro, magari in romanesco, poi va via, poi ne arriva ancora un altro, magari in milanese, e poi va via ...ecc.. ecc... alla fine, chi entra entra, si tratta sempre di uno spettacolo comico.

    E se pensi che Osvaldo (degli Emo) possa condurre meglio di Bisio, è solo una pia illusione. Ma se la gente è convinta e vuole provare ancora per altri 15 anni, ok.

    Basta soltanto non continuare a farsi prendere per il sedere con il debito pubblico, la crisi internazionale, la nostra atavica sfaticatezza di italiani, e le auto blu.

    Buona domenica

  8. #23
    Software Zone Fanatic
    Utente deragliato
    L'avatar di Eccomi
    Data Registrazione
    27-08-2004
    Località
    Napoli centro, più o meno all'incrocio con quella strada là e quella piazza lì...
    Messaggi
    9.264
    Buona domenica anche a te.
    ...ne riparliamo stasera...
    ...e se foste tutti pazzi, mi dareste ragione!
    Questo è il mio sito personale...

  9. #24
    Member
    Data Registrazione
    14-01-2007
    Messaggi
    52
    La soluzione per i consumi una volta si chiamava redistribuzione delle ricchezze.Se non lasci qualcosa da spendere ai ceti medi e bassi,come faranno questi che sono la maggioranza della popolazione a portare danaro ai ceti alti?Sembra lo abbiano dimenticato tutti.Come possono ripartire i consumi se non c'è nulla da consumare?
    Per un prelievo immediato proporrei quella cosa che fece Amato ricordate?Un prelievo dai conti degli Italiani(oddio sembro' iuna rapina)ma almeno in base al reddito.Utopico ma molto utile e doveroso sarebbe ridurre drasticamente i costi della politica,dal numero dei parlamentari,ai loro stipendi, agli enti inutili,ai rimborsi folli anche per chi perde le elezioni,alle finte commesse.......se non mi fermo ne viene un post....one

  10. #25
    Software Zone Fanatic
    Data Registrazione
    19-12-2004
    Messaggi
    27.611
    Citazione Originariamente Scritto da reny Visualizza Messaggio
    La soluzione per i consumi una volta si chiamava redistribuzione delle ricchezze.Se non lasci qualcosa da spendere ai ceti medi e bassi,come faranno questi che sono la maggioranza della popolazione a portare danaro ai ceti alti?Sembra lo abbiano dimenticato tutti.Come possono ripartire i consumi se non c'è nulla da consumare?
    Mi sembra abbastanza semplice : il rilancio dei consumi interni non interessa affatto. Roba passata, fuori moda.

    I "ceti alti" come dici tu se ne strafregano dei consumi della maggioranza della popolazione, perchè a loro interessa che questa maggioranza lavori al minimo salariale e contributivo, ed i prodotti vengono venduti in europa, su mercati piu' ricettivi, oppure sui mercati interni, vendendo materiali di importazione asiatica a prezzi decuplicati ed a zero valore aggiunto di manodopera.

    Inoltre la finanza speculativa se ne strafrega ancora di piu' della maggioranza e dei suoi consumi, perchè i guadagni che riesce a fare mom richiedono manodopera di alcuni tipo, ma solo manipolazione di titoli, obbligazioni e pacchetti azionari.

    Quindi lo schema di quelli che lavorano, guadagnano, spendono e rilanciano i consumi, e quindi la produzione interna, è uno schema superato dalla bellissima idea della globalizzazione.

    In Italia non c'e' alcun prodotto per il quale io mi debba dannare l'anima per produrlo, venderlo, guadagnarci, far guadagnare la gente che a sua volta acquista questi prodotti.

    Prima tiriamo la testa dalla sabbia e meglio sarà.

  11. #26
    Software Zone Fanatic
    Utente deragliato
    L'avatar di Eccomi
    Data Registrazione
    27-08-2004
    Località
    Napoli centro, più o meno all'incrocio con quella strada là e quella piazza lì...
    Messaggi
    9.264
    Il sospetto che si volessero far fuori i poveri mi venne già tanti anni fa.
    Ma può esistere un mercato ristretto ai solli ricchi? E la legge della domanda e dell'offerta? Al governo può anche convenire prendere una sola grossa cifra di IVA su uno yacht che tante piccole quote sul pane, ma chi farà il pane per i ricchi? I ristoranti cinesi?
    ...e se foste tutti pazzi, mi dareste ragione!
    Questo è il mio sito personale...

  12. #27
    Software Zone Fanatic
    Data Registrazione
    19-12-2004
    Messaggi
    27.611
    I poveri non vanno fatti fuori perchè sono la risorsa piu' importante per l'europa, e quindi per l'Italia.

    Prendono pensioni bassissime o sono disoccupati o precari , e i disoccupati fanno un gran mercato per il precariato (piu' ci sono disoccupati piu' i precari aumentano e guadagnano meno).

    Il pane ? lo fanno i precari, a prezzo buono, perchè non posso importarlo dall'Ucraina se no si fa raffermo.

    Pero' posso importare le farine piu' o meno note, di ogm tanto vituperati, e di frumento vario ..... e il grano italiano lo portiamo fuori confine, e al contadino che ancora insiste a coltivarlo (sempre meno per la verità) gli diamo 15 euro al quintale, e con un poco d'acqua e un buon forno diventano immediatamente 400 euro di pane. O 3600 euro di merendine. Non male come affare, grazie al contadino. E al povero.

    Lo yatch da tassare è di qualche buon amico, che se si incavola potrebbe andare all'estero oppure lo mette sotto bandiera panamense o in leasing da una società delle Caiman, mentre il pensionato mi permette di prelevare magari 50 o 100 euro al mese per sempre, e per milioni di persone. In un solo colpo, prelevandoli direttamente alla fonte, senza disturbarlo con pagamenti o altro.

    Quindi non diciamo cose blasfeme. Il povero è la forza motrice di questa grande economia globale.

    Guai a quei popoli che non hanno poveri a sufficienza..... costringerebbero le banche a chiudere i battenti, o a trasferirsi dove i poveri ci sono, e in abbondanza.

  13. #28
    Software Zone Fanatic
    Utente deragliato
    L'avatar di Eccomi
    Data Registrazione
    27-08-2004
    Località
    Napoli centro, più o meno all'incrocio con quella strada là e quella piazza lì...
    Messaggi
    9.264
    E questa gente che specula sulla pelle dei poveri, non ha mai sentito la parola "insurrezione"? Se non sbaglio, in Francia, ai tempi di Robespierre, le cose funzionavano più o meno allo stesso modo... Anche se c'erano le brioches al posto del pane e delle merendine...
    ...e se foste tutti pazzi, mi dareste ragione!
    Questo è il mio sito personale...

  14. #29
    Software Zone Fanatic
    Data Registrazione
    19-12-2004
    Messaggi
    27.611
    All'epoca c'erano Montagnardi e Girondini. Oggi si stanno Di Pietro e Enrico Letta. Mi stavo dimenticando di richi Vendola.

  15. #30
    Member
    Data Registrazione
    14-01-2007
    Messaggi
    52
    Ciao il pazzo,sei molto acuto,e realista.Un distinguo pero'.Dici che i nostri prodotti vengono venduti in Europa?Siamo finalmente diventati competitivi?Non credo.Vero che la finanza si muove piu' o meno come dici,ma sai che bello per tutti, poveri e ricchi,produrre e vendere anche in italia?(bè forse di contro ci sarebbero troppi pochi poveri).
    Per Eccomi,le insurrezioni si fanno quando mancano le risorse per il cido a molte persone contemporaneamente.Finquando i vari governi saranno attenti a questo, ed a distribuire vari e risibili contentini non si creano i presupposti.Ciao.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •